Itinerari

VAL GELADA – BOCCHETTA DEI TRE SASSI (2.614m)

di M. Maganzini

Questa è una delle classiche scialpinistiche tra le più frequentate, non solo di Madonna di Campiglio e della Val Rendena, ma addirittura di tutto il bacino del Trentino Occidentale. Consente infatti di addentrarsi nella catena settentrionale del Gruppo di Brenta e di ammirare dal Passo un panorama che spazia dal Gruppo della Presanella al Sottogruppo della Campa, godendo poi di una lunga e fantatica discesa.
È un itinerario che non presenta particolari difficoltà tecniche: si sviluppa nella parte iniziale in un vallone attraverso un rado bosco che conduce ad un ripido balzo sorpassato il quale si arriva nella parte alta della valle; di qui per dossi sinuosi ed eleganti panettoni si arriva al passo. Nonostante ciò, la gita richiede un discreto livello di allenamento fisico dato il dislivello di salita che sfiora i 1.000m.
 

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PERCORSO

Da Campo Carlo Magno (1651m.) o dal parcheggio della funivia del Grostè, si calzano gli sci e si segue la pista da fondo a ritroso fino alla Malga Mondifrà (1632m.), facendo attenzione a non intralciare i fondisti. Il primo tratto di gita si svolge in leggera discesa ma è consigliabile comunque mettere le pelli ancora alla partenza, per evitare lo spiacevole inconveniente di trovarsi ad applicarle sulla soletta fredda degli sci…con tutti i problemi che ne derivano!!
Dalla Malga si imbocca una stradina forestale che si abbandona quasi subito per prendere a destra un valloncello con una pendenza moderata. Lo si risale e si giunge in una radura dove c’è il bivio per le Malghe Vaglianella e Vagliana (in questo punto in primavera si nota sulla sinistra il cono della valanga del Mondifrà Alto).
Si prosegue quindi in un altro valloncello obliquo verso destra che conduce ad una spianata oltre un rado bosco. Di qui la traccia affronta la parte più ripida ed impegnativa della Valle proseguendo con varie zeta fino a quota 2250m. (Sulla sinistra si può notare un canale che si sdoppia conducendo al Passo di Val Centonia o a Cima Sassara - gita OSA).
Ci si inoltra nella parte alta della Val Gelada che da qui è larga e a dossi e si prosegue,  senza via obbligata, superando infine un tratto più ripido fino alla Bocchetta Dei Tre Sassi.

StampaEmail

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altro modo acconsenti all'uso dei cookie.